Vivaldianno



Due musicisti cechi si sono incontrati quache anno fa. Si chiamano Jaroslav Svěcený, virtuoso violinista e Michal Dvořák, tastierista rock. Hanno provato qualcosa insieme, unendo musiche classiche con suoni e timbri moderni, e si sono divertiti. Poi hanno deciso di far divertire anche gli altri. :)
Hanno chiamato vari musicisti di diversi paesi e con diversi background (suonatori di sitar e percussionisti, perfino un didgeridoo dall'Australia), e hanno cominciato a lavorare. Il risultato non e', come si potrebbe pensare (l'avrei pensato anche io) un arrangiamento fricchettone e inutile, ma qualcosa di nuovo e interessante. :)
Che puo' piacere o meno, naturalmente.

Io giovedi' mi vado a comprare il CD. :P

2 commenti:

Tyreal ha detto...

Bello, mi ricorda molto alcuni lavori dei Rondò Veneziano. Certo che chiamarsi Dvořák dev'essere una bella spinta al destino di musicista! :D

Silmiaug ha detto...

Anche a me hanno fatto venire subito in mente il Rondò. :)

Le riletture pop/rock/electro/cheneso della musica classica, come hai detto tu, sono sempre rischiose. Questa sembra fatta con gusto, poi bisogna vedere se alla lunga stufa. Ce lo dirai fra un po'. :)